parlaebasta

"Le parole fanno l'amore sulla pagina come mosche nella calura estiva e il poeta è solo lo spettatore perplesso"

Mese: luglio, 2012

Le mollichine raccolte costruiscono casa

Ho pensato che tutte le cose hanno il loro posto,

e anche gli animali sanno cosa esser tra cacciatore o preda.

In ogni piccolo angolo di mondo, le molecole si diradano e si riavvicinano:

le persone si rotolano giù, su piani inclinati,

 

gli animali neanche fanno attrito.

 

Ho pensato che i pesci non volano,

gli uccelli non nuotano,

il gesto d’avanguardia rimane la deviazioni dei salmoni

.

Le persone pensano, riflettono e si fermano,

anzi si fermano e riflettono.

 

Poi ho pensato che le tende sono fatte per coprire,

ma se soffia il vento, riescono anche a svolazzare:

non che gli uccelli abbiano il primato,

è lo stesso posto nel mondo che diventa sovraffollato.

 

Prima pensavo che le zanzare non servono a niente,

ma pure i bambini hanno capito che forse non è vero.

Le spiegazioni sono sempre state di carattere entropico universale,

e a volte come una preghiera di quelle antiche,

ermetiche come i tappi di barattoli.

 

Anch’io pensavo d’aver capito,

come balla la gente alle feste di paese,

e come rido io se mi fai ridere.

Il fatto è che sei arrivato,

e tutto quello che non ho mai saputo,

forse è perché non me l’avevi ancora insegnato.

 

Mi sa che ho capito.

Annunci

Passeggiate inferenziali.

Dammi il tempo di imparare

quando non te lo chiedo.

Forse mi mancano le basi

ma mi applico alla luce notturna.

Insegnami il tuo non rumore

e il passo da gatto, dei pensieri.

 

Amami non perché ti amo,

non so perché dovresti amarmi,

ma fallo.

Che poi, non ti sto addosso perfetta,

cucita come le rime che sistemavo in versi

che leggevi e stavi bene?

 

Amami adesso,

sono pronta.

Non chiedermi l’ora,

dimmi cos’hai mangiato,

parlami di quanti baci m’avresti dato;

dell’amore che dai, dell’amore che sento

e se poi scambi,

tu senti,

io do.

 

Liberami sulla tua pelle

concedimi un ballo

dalla musica diffusa dal pc senza casse.

Accarezzami cosicché possa essere,

 

essere donna.

Sono carezze da donna.